martedì 22 gennaio 2013

I nostri pici, bianchi... con un tocco di rosso!



Si lo so, lo so cosa penserete tutti: "...fff! arridaje co' sta storia dei colori".
(In particolare l'Ale che già a suo tempo rimarcò questa mia mania facendomi un regalo che non posso dimenticare!)
Ma io mancavo da tanto dall'MTC.
E l'MTC mi mancava. Troppo.
Poi  nel frattempo siamo cresciuti nella famiglia dei blog, quindi questa piccola creatura che è il nostro "Colors and Food" doveva pur iniziare a farsi spazio tra i grandi.
E perché perdersi questa sfida, tutta personale, di incrociare due temi in un solo piatto? Sempre più difficile, dite? Ma no, invece. E' stato semplicissimo.
A patto di non voler fare concorrenza alla Pat, che in questo meraviglioso post ha incrociato invece le storie dei profondi legami con la gente e con il territorio toscano, che i suoi Pici rappresentano.

Qui non potremo proprio permetterci tanto, lo ammetto, anche perché io, dal mio territorio non ho grandi chance per proporre un connubio tra Siena e Bergamo.
O vogliamo tirar fuori dal cappello il ragù d'asino, di cervo o di cinghiale? ...non lo potrei mai fare, mi si contorce lo stomaco al solo pensarci.
Invece, penso alla ricetta povera ma allo stesso tempo meravigliosa che sono questi pici, che mai avevo fatto e che oggi mi hanno veramente stupito.
Li sento come l'espressione del grande sapere che risiede nelle cose "semplici", fatte con le mani e con il Cuore.
E non posso quindi, non pensare alle antiche consuetudini che appartenevano alle nostre nonne (ma anche a molte di noi donne moderne) di non buttare via nulla, di cercare con l'ingegno di riutilizzare tutto, ma proprio tutto quello che restava in cucina.
Perché l'abbondanza non è mai stata una cosa scontata, né a Siena e nemmeno a Bergamo.
Quindi ecco un "condimento" di riciclo in piena regola: le croste di Formaggio. Che siano di Grana oppure del più nobile Parmigiano, le ho sempre amate tantissimo ad esempio nel minestrone. Danno un gusto unico al brodo e  mi piace tanto la morbidezza che acquistano quando le si lascia cuocere un po'... per me sono inimitabili.

Pici con straccetti di crosta di parmigiano
e pomodori secchi

300 gr. pici
100 gr. croste di parmigiano
100 gr. pomodori secchi
(rinvenuti in acqua per qualche ora)
2 bicchieri vino bianco secco
olio, aglio, sale

Mettete a bollire l'acqua per la cottura dei pici.
Intanto, raschiate e pulite le croste di formaggio, tagliatele a striscioline di circa 1 x 5cm e mettetele a cuocere in un pentolino con il vino bianco. Quando saranno tenere, tenetele da parte prima di scolarle, mentre farete un leggero soffritto con poco olio e l'aglio vestito. Stufate un paio di minuti i pomodori secchi ben strizzati e tagliati a striscioline, unite le croste morbide appenta tolte dal vino e saltate a fuoco non troppo alto per non far troppo sciogliere il formaggio. Togliete l'aglio ed unite infine i pici appena scolati: vanno cotti in acqua ben bollente e salata, per tre o quattro minuti, non di più.

I pici
vedete anche il post di Patty
 
200 gr di farina 00
100 gr di farina di semola rimacinata
2 generosi cucchiai d’olio extra vergine
1 pizzico di sale
acqua – qb –

Fate la fontana con le due farine miscelate. Versate l’olio, il pizzico di sale e cominciate a versare lentamente l’acqua, incorporando la farina con una forchetta. Attenzione al sale. Non esagerate perché questo indurisce la pasta.
Quando la pasta comincerà a stare insieme, cominciate ad impastare con energia utilizzando il palmo delle mani vicino ai polsi. Se necessario, aggiungete acqua o farina.
Impastate energicamente con le mani e con i polsi, facendo attenzione a non stracciare la pasta.
Infine formate una palla e lasciate riposare una mezz'ora avvolta da pellicola, in frigo.
Tagliate delle striscioline di impasto e lavorate i pici formando dei lunghi fili, da circa 2-3 mm. di diametro. Si cuociono in acqua bollente, per circa 3 minuti.



Questa ricetta è, ovviamente, per l'MT Challenge di gennaio in collaborazione con Patty del blog Andante con gusto:
I pici

21 commenti:

  1. e quando si dice che la classe non è acqua!
    baci
    Sandra

    RispondiElimina
  2. Mamma mia Cinzia, hai tirato fuori davvero un'idea favolosa, un piatto semplice, povero, che diventa di gran classe con il tuo tocco magico!
    E da toscana ti dico, gran bei pici! :)
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...uh da una toscana DOC il complimento lo prendo col cuore, grazie Roberta, un bacione!

      Elimina
  3. Cinzia, che meraviglia!!! :D Complimenti, sono perfetti! :D Io, poi, quando vedo i pomodori secchi impazzisco... e la crosta di parmigiano... mmm... favolosi! :D Complimenti, un abbraccio e buona giornata :**

    RispondiElimina
  4. Spettacolo !!! Ho una fame !

    RispondiElimina
  5. Che favolosa idea Cinzia!!!!! Complimenti!!!:) un bacione

    RispondiElimina
  6. Anche questa tua idea è incredibilmente azzeccata: semplice, rustica, anti spreco, gustosa, che sa di casa!!!
    Insomma bellissima idea Cinzia!

    RispondiElimina
  7. adoro i pici...questo condimento "mi mancava"...un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  8. Che meraviglia...buonissimi!!!..le croste di parmigiano sono golosissime..bella idea!
    Baci! Roberta

    RispondiElimina
  9. sto continuando a rimandare la sfida coi pici, tanto che temo di arrivare al 27 senza aver combinato nulla....e poi non ho più condimenti da proporre...il tuo mi sembra un ottimo risultato e questo mi spaventa ancor di più...notte cri

    RispondiElimina
  10. Ecco....le croste di parmigiano non si erano viste per niente, viene voglia di leggere e provare!
    Perchè non gonfiarle al forno e poi sbriciolarle??
    Hurrà per i pomodori secchi.....e per tutti i colori del mondo;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già, cara Fabiana, renderle croccanti è l'altra opzione, che si potrebbe non mancare di proporre ad esempio su un risotto eh!
      baciuzzi :))

      Elimina
  11. mitici questi pici! Ideona, complimenti!

    RispondiElimina
  12. Ragazze, un grande GRAZIE per tutte, leggervi qui, nella nuova casa, ci riempie il cuore :))

    RispondiElimina
  13. Fantastici i pici, Cinzia... io volevo proporti un primo, bianco e ripieno rosso...ma non è proprio periodo, mi dispiace! Proviamo con il colore del prossimo mese... Un bascio!!

    RispondiElimina
  14. Sono senza parole.... mi ricordo una pubblicità del mitico carosello, che posso parafrasare così: credevo che i miei pici fossero geniali, finché non ho visto questi!
    Baci

    RispondiElimina
  15. Particolare anche questo abbinamento, mi piace! :-9

    RispondiElimina
  16. Sai che per qualche secondo mi sono persa? Poi ho legato i capi, credo... Sai come ho la testa ....
    Allora questo è il nuovo blog, e da qui partono anche le tue ricette e quelle di Valentina? Ma come fate! Io non potrei non trovo abbastanza ore al giorno per fare le cose primordiali...
    Vi faccio i complimenti e non solo per il vostro spirito ma anche per questi pici molto in tema perché anche a me mi hanno insegnato che del grana nulla va buttato e poi trovo fantastico l'uso dei pomodori secchi!

    Bravissime

    RispondiElimina
  17. Oh mamma! Cara Cinzia, non ero ancora passata in questo vostro nuovo angolino. Me ne scuso tantissimo ma fino alla fine di questo mese sono attorcigliata dai pici e forse tu mi puoi capire. Lo sai che sono mesi che rimugino sulla possibilità di ricavare un ragù dalle croste di formaggio? Ne ho sentito parlare, mio marito lo ha persino mangiato ed ha detto che è una roba da svenimento...però non saprei da che parte cominciare. Tu l'hai fatto alla grandissima, in un piatto di recupero che è una vera poesia. Grazie infinite per aver partecipato. Le tue immagini come sempre sono favolose ed i pici assolutamente perfetti! Ti abbraccio forte carissima, Pat

    RispondiElimina
  18. Bellissimo blog, ricco di ricette interessanti. Mi sono unita ai vostri lettori, se vi va di ricambiare, mi farebbe piacere. Ciao.


    pastaenonsolo.blogspot.it

    RispondiElimina
  19. Molti belli,nuovi e "classici" nello stesso tempo,mica facile!
    Complimenti davvero,buon weekend.

    RispondiElimina